Testo

Il cementificio Saceba-Holcim, costruito a Morbio nel 1961, rimane attivo per circa due ventenni prima di essere progressivamente dismesso. Nel 2001 è incluso nel parco geologico delle Gole della Breggia.
Il complesso industriale e la natura idilliaca che lo circonda – due elementi in contrasto stridente – devono essere riconciliati. L'investimento per il progetto di riqualifica promosso da Holcim e Cantone Ticino ha lo scopo di conferire all’area Saceba una nuova vocazione culturale e di svago in coerenza con il Parco. Coinvolge un gruppo di progettazione formato da paesaggisti, biologi, geologi, architetti e ingegneri. A CCRZ viene affidata la direzione artistica per la parte scenografica e la comunicazione, in collaborazione con lo storico Giovanni Buzzi.
Gli interventi di progetto sono concentrati principalmente sull’edificio primario – la Torre dei forni – e coinvolgono più di 2'500 m2. Un percorso didattico, spazi espositivi, sale di proiezione video e due aree polivalenti sono ricavati all’interno della torre. L’Eternit e il cemento, entrambi materiali appartenenti al patrimonio culturale del design moderno svizzero, sono utilizzati per buona parte degli elementi espositivi, la segnaletica, le sedute e le lampade. Una scala in acciaio rossa costituisce l’unico elemento invasivo che, come una lingua di fuoco, attraversa verticalmente la Torre dei forni collegandone i quattro livelli.
All’esterno un percorso pedonale illustra le fasi di trasformazione della roccia in cemento. In parallelo al progetto d'allestimento, CCRZ cura la veste grafica della pubblicazione che documenta il progetto di riqualifica.

Cliente: Holcim
Anno: 2009–2012

Progetti correlati